I link che seguono forniscono la collocazione della pagina attuale nella gerarchia di navigazione.

  • Luca 2,40-52

    di Vito Gardiol

    Il cammino che Giuseppe e Maria debbono fare e' quello che i discepoli dovranno a loro volta intraprendere: il cammino verso il quale anche noi siamo invitati per comprendere chi e' questo Gesu'

    continua »

  • Malachia 3,13-14;18

    di Vito Gardiol

    «Voi usate parole dure contro di me, dice il Signore. (...) Voi avete detto: è inutile servire Dio (...) Voi vedrete di nuovo la differenza che c'è fra il giusto e l'empio, fra colui che serve Dio e colui che non lo serve.»
    Se pensiamo alla nostra situazione oggi ed ai modi in cui reagiamo a quanto accade attorno a noi, possiamo scoprire in questa affermazione di scoraggiamento una sensazione comune, che a volte diventa convinzione, che è inutile servire il Signore. Ma non è così

    continua »

  • Giacomo 4,13-17

    di Vito Gardiol

    «E ora voi dite: oggi o domani andremo nella tale città, vi staremo un anno, trafficheremo e guadagneremo; mentre non sapete quel che succederà domani! (...) Dovreste dire invece: Se Dio vuole, saremo in vita e faremo questo o quest’altro!»
    "A Dio piacendo" è diventata una frase pia oppure un'affermazione scaramantica: dagli eventi della vita e dagli imprevisti ci si difende come si può, speriamo che ciò che faccio e decido incontri il benestare di Dio. Questa frase che fa leva sulla precarietà dell'esistenza per predicare la prudenza non corrisponde però al messaggio di Giacomo.

    continua »

  • II Timoteo 1,12

    di Vito Gardiol

    «Io so in chi ho creduto e sono convinto che Egli ha il potere di custodire il mio deposito fino a quel giorno»
    Non è semplice testimoniare la propria fede a chi è gravemente ammalato ma è ciò che siamo chiamati ad osare! La nostra convinzione nel farlo può essere una forza per chi non crede ma guarda alla fede come una possibile porta aperta sulla fine della propria esistenza.

    continua »

  • Romani 8, 31-39

    di Vito Gardiol

    «Se Dio è per noi chi sarà contro di noi?(...) Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Sarà forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? (...) Io sono persuaso che né morte, né vita, né angeli né principati, né cose presenti né cose future, ... né alcuna creatura potranno separarci dall’amore di Dio che è in Cristo Gesù, nostro Signore»
    La certezza contenuta nelle parole dell'apostolo Paolo nasce da ciò che Gesù ha fatto per l’umanità con il suo amore, un amore così significativo da non fermarsi di fronte a nulla

    continua »

Consulta le pagine