I link che seguono forniscono la collocazione della pagina attuale nella gerarchia di navigazione.

  • Salmo 51, 15

    di Daniele Garrone

    «Voglio insegnare ai ribelli le tue vie e i peccatori a te ritorneranno
    Chi può insegnare qualcosa è chi sa di essere un peccatore perdonato, colui che ha scoperto che Dio lo cercava nel suo smarrimento, nella sua rivolta, nel suo rifiuto, nel suo vedere soltanto se stesso.

    continua »

  • Proverbi 30,2-4

    di Hiltrud Stahlberger

    «Parole di Augur: Certo, io sono più stupido d’ogni altro e non ho intelligenza d’un uomo. Non ho imparato la sapienza e non ho la conoscenza del Santo. Chi è salito in cielo e n’è disceso? Chi ha raccolto il vento nel suo pugno? ... Lo sai tu?»
    Ci si chiede se queste parole non siano l'espressione di una persona umile che rimane a bocca aperta, contemplando le meraviglie della creazione, traendone la conclusione che l’intelligenza umana è troppo limitata per cogliere la saggezza di Dio, che ha creato il macrocosmo e il microcosmo.

    continua »

  • Proverbi 14,13

    di Hiltrud Stahlberger

    «Anche ridendo, il cuore può essere triste. E l’allegrezza può finire in dolore
    La prima parte del proverbio esprime un’esperienza abbastanza diffusa: c’è una differenza fra ciò che facciamo vedere agli altri e ciò che proviamo nei nostri cuori. Dio stesso guarda dietro le nostre maschere con uno sguardo comprensivo e caloroso.

    continua »

  • Proverbi 8,30

    di Hiltrud Stahlberger

    «Io ero accanto a lui come un bambino ed ero la sua gioia quotidiana; alla sua presenza mi divertivo e giocavo di continuo.»
    La Sapienza parla in prima persona e canta un inno in cui narra delle sue origini come prima creatura di Dio. Questo inno ci invita a riconoscere nel Signore un Dio "giocoso" e gioioso. Questa conoscenza si rispecchierà nelle nostre vite

    continua »

  • Proverbi 1,7

    di Hiltrud Stahlberger

    «Il timore dell’Eterno è il principio della scienza. Gli stolti disprezzano la sapienza e l’istruzione
    Questo timore non è da intendersi come un terrore dinnanzi a una divinità potente o come lo spavento di fronte alla presenza di un Dio santo. Il timore dell’Eterno è l’atteggiamento di chi crede nel Dio Creatore dell’universo e donatore di ogni sapienza.

    continua »

Consulta le pagine