I link che seguono forniscono la collocazione della pagina attuale nella gerarchia di navigazione.

  • Matteo 9,11-12

    di Jean-Félix Kamba Nzolo

    Gesu' si rivolge ai farisei di oggi che dividono le persone in categorie, vedono nei diversi per colore della pelle, cultura, religione, tendenze sessuali, un rischio per la societa', per la sicurezza

    continua »

  • Filippesi 2,11

    di Jean-Félix Kamba Nzolo

    «Ogni lingua confessi che Gesù Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre»
    Contrariamente al mito di Babele, che rappresenta la confusione e l’incomunicabilità, la Pentecoste rappresenta l’anti-Babele; la discesa dello Spirito Santo nel giorno di Pentecoste crea la comunicabilità abbattendo le barriere linguistiche, permettendo a ciascuno di ascoltare il messaggio di Cristo nella propria lingua

    continua »

  • Giovanni 10, 11-12

    di Jean-Félix Kamba Nzolo

    «Io sono il buon pastore; il buon pastore dà la sua vita per le pecore. Il mercenario, che non è pastore, a cui non appartengono le pecore, vede venire il lupo, abbandona le pecore e si dà alla fuga, e il lupo le rapisce e disperde.»
    Gesù è il buon pastore che, non solo si prende cura dei suoi, ma offre la sua vita in dono per loro.

    continua »

  • I Pietro 1,3-4

    di Jean-Félix Kamba Nzolo

    La risurrezione di Cristo, la sua vittoria sulla morte, ci ha fatti rinascere a una speranza "viva" nella risurrezione per la vita eterna

    continua »

  • I Corinzi, 15, 20-21

    di Jean-Félix Kamba Nzolo

    «Ora Cristo è stato risuscitato dai morti, primizia di quelli che sono morti. Infatti, poiché per mezzo di un uomo è venuta la morte, così anche per mezzo di un uomo è venuta la risurrezione dei morti
    La morte e la resurrezione di Cristo sono attestate dalle Scritture e da tanti testimoni, per questa ragione non possono essere messe in discussione. Cristo è veramente risorto; egli è stato il primo risorto, i credenti gli seguiranno.

    continua »

Consulta le pagine