I link che seguono forniscono la collocazione della pagina attuale nella gerarchia di navigazione.

  • Giona 1: 1-3

    di Enrico Benedetto

    «La parola del Signore pervenne a Giona, figlio di Amittai: "Alzati, va’  a Ninive, la gran città, e lancia un proclama contro di essa, poiché il male che ha compiuto è giunto fino a me". Allora Giona volle fuggire a Tarsis per scampare al Signore. (...)».
    Giona esordisce nella Bibbia come il disertore di Dio affrettandosi a far perdere le tracce a un Signore importuno e molesto. Alle missioni Giona risponde con le dimissioni. Si rifiuta di parlare al Dio che gli parla. Allontanarsi non gli riuscirà. A dire il vero, riesce difficilmente anche a noi.

    continua »

  • Non impareranno più la guerra

    di Marcello Salvaggio

    «Egli giudicherà tra nazione e nazione e sarà l'arbitro fra molti popoli; ed essi trasformeranno le loro spade in vomeri d'aratro, e le loro lance, in falci; una nazione non alzerà più la spada contro un'altra, e non impareranno più la guerra.» (Isaia 2,4)
    Ciò che colpisce della profezia di Isaia è che si dica che le nazioni non impareranno più la guerra. Non che non la insegneranno più, che smetteranno di praticarla, ma che non la impareranno, cioè saranno rese estranee a questa logica.

    continua »

  • I fuochi della libertà

    di Marcello Salvaggio

    «Il Signore andava davanti a loro: di giorno, in una colonna di nuvola per guidarli lungo il cammino; di notte, in una colonna di fuoco per illuminarli, perché potessero camminare giorno e notte». (Esodo 13:21)
    La libertà non è un’acquisizione una volta per tutte, ma un cammino. Ce lo insegna la storia del popolo d’Israele. L’esperienza di libertà non si esaurì nell’attraversamento del Mar Rosso, ma prese corpo nei lunghi anni di cammino nel deserto.

    continua »

  • La fede ci chiama ad agire in fretta

    di Marcello Salvaggio

    «Scorra piuttosto il diritto come acqua e la giustizia come un torrente perenne!» (Amos 5,24)
    L’immagine che ci propone Amos è quella di una giustizia dinamica, in movimento. Diritto e e giustizia devono scorrere come acqua, come un torrente perenne, ribollente e purificatore.

    continua »

  • La coerenza con l’Evangelo. Una sfida impossibile?

    di Marcello Salvaggio

    «Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e in verità.» (I Giovanni 3,18)
    La parola “coerenza” non fa parte del lessico della Bibbia e ciononostante è un concetto fondamentale che attraversa tutta la Scrittura. Chi è coerente per eccellenza se non Dio che compie ciò che ha promesso, che è fedele ai suoi propositi di giustizia nonostante il peccato e la disubbidienza dell’umanità?

    continua »

Consulta le pagine