I link che seguono forniscono la collocazione della pagina attuale nella gerarchia di navigazione.

  • Marco 5,19-20

    di Letizia Tomassone

    «Gesù gli disse: “Va' a casa tua dai tuoi, e racconta loro le grandi cose che il Signore ti ha fatte, e come ha avuto pietà di te”. Ed egli se ne andò e cominciò a proclamare nella Decapoli le grandi cose che Gesù aveva fatte per lui. E tutti si meravigliavano.»
    Gesù guarisce e cerca così di infondere libertà e gioia nella vita di chi incontra. Non crea però un legame di dipendenza ma fa crescere la persona nella sua autonoma capacità di giudizio. In questo racconto, Gesù non vuole che l’indemoniato guarito lo segua, ma lo rimanda alla sua vita, alla sua città, al suo contesto locale. E’ lì che la sua nuova libertà deve trovare spazio.

    continua »

  • Isaia 49,1-2 e 4

    di Letizia Tomassone

    «Il Signore mi ha chiamato fin dal grembo materno, ha pronunciato il mio nome fin dal grembo di mia madre. Egli ha reso la mia bocca come una spada tagliente,  mi ha nascosto nell’ombra della sua mano...»
    Il dono della parola è affidato al profeta e ai suoi contemporanei, così come a noi. Un dono per uscire dal senso di impotenza che a volte domina il nostro pensiero e non ci permette di far fruttare la speranza che ci è affidata. E’ una speranza che non viene da noi, un dono di saldezza che non sta in ciò che noi costruiamo da soli, ma è dono della visione di Dio che coinvolge una intera comunità.

    continua »

  • Giona 3,10-4,1-2

    di Letizia Tomassone

    «Dio vide ciò che facevano, vide che si convertivano dalla loro malvagità, e si pentì del male che aveva minacciato di far loro; e non lo fece...»
    La capacità di perdonare e di fare un passo indietro rispetto alla violenza è un gran valore per il Dio dei profeti, che prende sul serio l’umanità, si pente del male minacciato e preferisce squilibrarsi verso il bene: è già il Dio dell’evangelo e di Gesù Cristo, che dà sé stesso per la vita del mondo.

    continua »

  • Matteo 10,20

    di Letizia Tomassone

    «Non siete voi che parlate, ma è lo Spirito che parla in voi».
    Nel giorno dell’ascensione Gesù manda i suoi discepoli a predicare, come aveva già fatto durante il suo ministero. La parola che devono portare non è loro, perché non si mettano al centro della scena. E’ l’annuncio di un mondo trasformato dall’amore e dalla giustizia di Dio che deve circolare e diventare lievito di una nuova convivenza. Anche noi siamo inviati, non a portare la nostra identità confessionale, ma la notizia strepitosa di un Dio vicino.

    continua »

  • Michea 6/8-15

    di Letizia Tomassone

    «O uomo, egli ti ha fatto conoscere ciò che è bene; che altro richiede da te il Signore, se non che tu pratichi la giustizia, che tu ami la misericordia e cammini umilmente con il tuo Dio?»
    La dura parola di giudizio riguarda questa volta l’habitat di ogni vivente. L’ingiustizia ambientale fa sì che la terra stessa si rivolti contro l’essere umano. Dio vede l’ingiustizia: le terre depredate, le risorse fossili consumate senza ritegno, le acque inquinate. Dio si schiera con chi muore di inquinamento, con le foreste sradicate e le specie minacciate.

    continua »

Consulta le pagine