I link che seguono forniscono la collocazione della pagina attuale nella gerarchia di navigazione.

  • Esodo 20,2-3 (parte prima)

    di Lothar Vogel

    «Io sono il Signore, il tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla casa di schiavitù. Non avere altri dèi oltre a me.»
    Questi versetti fanno parte del bagaglio catechetico minimo che portiamo con noi. Nonostante ciò, ci propongono una scelta tra due opzioni che in fondo sembrano lontane dalla nostra sensibilità.

    continua »

  • Luca 17:5-6

    di Leonardo Magrì

    «Allora gli apostoli dissero al Signore: “Aumentaci la fede”. Il Signore disse: “Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo sicomoro: 'Sràdicati e trapiàntati nel mare', e vi ubbidirebbe.”»
    Per gli apostoli solo una fede enorme, illimitata, poteva dar loro la possibilità di seguire le orme del loro maestro. Ma Gesù risponde che non è così.

    continua »

  • I Corinzi 3:10

    di Leonardo Magrì

    «Secondo la grazia di Dio che mi è stata data, come esperto architetto, ho posto il fondamento; un altro vi costruisce sopra. Ma ciascuno badi a come vi costruisce sopra
    L’apostolo Paolo si paragona ad un esperto architetto. Ma la costruzione che lo interessa è un edificio particolare: la comunità dei credenti. Questo edificio, non è il “suo”; egli ha gettato le basi, ma saranno altri a continuare ad aggiungere mattoni e pietre.

    continua »

  • II Corinzi 5:14

    di Leonardo Magrì

    «Infatti l'amore di Cristo ci costringe, perché siamo giunti a questa conclusione: che uno solo morì per tutti, quindi tutti morirono
    Sono chiamato ad amare in virtù non della mia capacità di saper manifestare questo sentimento, ma perché io per primo sono stato amato. Nel momento in cui sperimento, nella mia vita, l’amore di Dio verso di me, allora non potrò che tendere verso un amore che possa essere rivolto non solo verso Dio, ma anche nei confronti di coloro che mi sono “prossimo”.

    continua »

  • Atti degli Apostoli 2: 1-2

    di Leonardo Magrì

    «Quando il giorno della Pentecoste giunse, tutti erano insieme nello stesso luogo. Improvvisamente si fece dal cielo un suono come di vento impetuoso che soffia, e riempì tutta la casa dov'essi erano seduti
    Se oggi siamo ancora presenti come chiesa cristiana, è grazie al giorno in cui lo Spirito Santo scese realmente su uomini spaventati, intimoriti, senza più un progetto per il loro futuro, e li ha trasformati dando loro il coraggio della testimonianza.

    continua »

Consulta le pagine